Ma l’amor mio non muore


Lo puoi vedere online qui:

 

un documentario di Claudio Di Mambro, Luca Mandrile e Umberto Migliaccio

prodotto da Tekfestival e Todomodo

Attraverso le storie di vita di alcuni partigiani e partigiane che parteciparono alla Resistenza nella zona del Cuneese, si racconta quell’esperienza di ribellione e di lotta vissuta da una generazione cresciuta interamente durante il ventennio della dittatura fascista. Chi sono e come vivono oggi i protagonisti di allora, come leggono gli avvenimenti di quegli anni anche alla luce dei continui tentativi revisionistici e più in generale di fronte al crescente rischio dell’oblio?

CREDITS

Soggetto, regia, fotografia, suono e montaggio: Claudio Di Mambro, Luca Mandrile, Umberto Migliaccio

Montaggio del suono e mix:  Stefano Grosso

Musica: Sergio Simeoni

Progetto fotografico: Luca Prestia

SD/60’/2007

Annunci

Una risposta a Ma l’amor mio non muore

  1. Pingback: Proiezione de “Ma l’amor mio non muore” il 9 giugno 012 | Todomodo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...