Gli Invisibili #02 – Una serata dedicata a Piero Ciampi


ciampi giovane

Gli Invisibili #02 – Una serata dedicata a Piero Ciampi

Luca Mandrile e Umberto Migliaccio presentano

La morte mi fa ridere, la vita no. Piero di Livorno

26 febbraio ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale

Via Antonio Cecchi 17, Torino – Ingresso libero

Nell’ambito della programmazione cinematografica del Cecchi Point – Hub Multiculturale coordinata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema e da Videocommunity, mercoledì 26 febbraio alle ore 21,00 è in cartellone il secondo appuntamento della rassegna Gli Invisibili curata dal regista Stefano Grossi. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti disponibili in sala.

Ospiti d’eccezione i registi Luca Mandrile e Umberto Migliaccio che presenteranno il film La morte mi fa ridere, la vita no. Piero di Livorno dei TodoModo (collettivo cinematografico composto da  Claudio Di Mambro, Luca Mandrile e Umberto Migliaccio). Il documentario è stato realizzato con il fine di recuperare la memoria di un artista dimenticato e misconosciuto come Piero Ciampi. Livorno, la sua città d’origine e fonte di continua ispirazione per le sue poesie e canzoni, è stata per gli autori il luogo nel quale incontrare e raccogliere le testimonianze di quei livornesi che ricordano gli anni vissuti da Piero Ciampi tra le strade, le osterie ed il porto della città. Un rapporto, quello tra il cantautore e Livorno che, nonostante gli anni vissuti a Parigi, Milano e Roma, non è mai venuto meno e ne ha segnato profondamente la vita e l’opera.

“Il nostro – dichiarano gli autori  – è stato anche un viaggio alla scoperta di quella sorta di isola che è Livorno, di cui Piero Ciampi con la sua stessa esistenza, oltre che con le sue poesie e canzoni, ne incarnò appassionato e dissacrante lo spirito di ironica insubordinazione di chi non si prende mai troppo sul serio. Piero Ciampi è stato un’artista unico, un poeta nei gesti. Proprio per questo motivo, è stato un personaggio scomodo nella scena culturale italiana e purtroppo sia in vita che dopo la sua morte, non ha ricevuto l’attenzione che si sarebbe meritato. Chiunque lo ascolti però, per la prima volta, non può rimanere indifferente, o lo si odia o lo sia ama.”

La proiezione sarà preceduta da Diari del Novecento – Alda Merini (2009, 3’) di Stefano Grossi.

Per maggiori informazioni: http://www.cecchipoint.it/cinema@cecchipoint.it – 3475646645

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in documentari, proiezioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...